Chi sono

Gianluigi Maino.

Affascinato da tutte le cose che non contano, ovvero quelle che contano di più: musica, arte, design, media. E politica. Ho inoltre un feticismo che non vi dico per la carta stampata. In passato ho ideato/prodotto/condotto due trasmissioni radiofoniche. Nel presente lavoro nell’industria musicale. In futuro spero di fare entrambe le cose, insieme a molto altro.

Ogni tanto, in passato, ho scritto di musica qua e là. A volte anche di altro su Enquire.it. Per quattro-cinque mesi ho dato una mano a Giorgio Dell’Arti nella stesura del suo Catalogo dei viventi.

Tanti anni fa, prima di trasferirmi su questa piattaforma, avevo un blog che si chiamava Ordine Generale. Sì, sono io. Ma non è detto che ci debba essere necessariamente una continuità tra quello e questo.

Contatti.

Mi trovate su Twitter, su LinkedIn e su Google+. Volendo anche su Facebook e su Tumblr.
Altrimenti c’è sempre la cara e vecchia mail: gianluigi (a) giamai.com

Avvertenze.

Inutile dire che questo blog non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge 62 del 2001 poiché lo aggiorno senza alcun tipo di periodicità.

Le opinioni espresse in questo blog sono personali e non rappresentano quelle di persone e/o società collegate da qualunque tipo di rapporto col titolare del blog.

Come tutti i siti web di questa terra, anche questo contiene delle immagini. La stragrande maggioranza di esse sono prese dalla rete: il che non vuol dire che siano di pubblico dominio e quindi ne posso fare ciò che voglio; semplicemente che, spesso, è difficile risalire al titolare. Se lo trovo lo segnalo, altrimenti se siete i proprietari e il loro utilizzo non vi sembra opportuno segnalatemelo voi a:
gianluigi [a] giamai.com

Un paio di parole sui commenti.

I commenti sono aperti a tutti ma sono sottoposti a moderazione, per cui è evidente che invito il lettore a misurarsi con le regole del buon senso, ricordando che insulti di qualunque tipo, rivolti a chiunque, non saranno mai — in nessun caso! — pubblicati.

L’anonimato non è buona prassi e raramente è accettato. Perciò se volete che i vostri commenti superino la fase di moderazione, è necessario fornire un account di WordPress valido o, in alternativa, un indirizzo e-mail altrettanto valido (ricordo che l’indirizzo e-mail non sarà visualizzato nel commento, per cui non vi è rischio spam o privacy). Fornire indirizzi palesemente falsi (o con estensioni inesistenti, tipo gmail.it) comporta nel 99,9% dei casi la non approvazione del commento, anche se questo contiene il concetto più intelligente del mondo.

Link sponsorizzati.

Può capitare che segnalando alcuni prodotti i link siano affiliati al sito che li vende. Vi assicuro che non è una marchetta: per alzare ingenti quantità di denaro ci sarebbero altri modi. Però trasparenza vuole che avvisi i lettori di questa cosa: in pratica se voi cliccate sul link, poniamo, che rimanda alla pagina dove si può acquistare un libro e poi decidete di acquistare quel libro beh, il rivenditore del libro potrebbe darmi un paio di centesimi di euro perché, in fondo, lui ha guadagnato anche grazie a me. Se cliccate e poi non comprate, il rivenditore non mi dà in cambio un bel niente. Capite bene che con un paio di centesimi di euro (in buoni sconto, per giunta) alla volta non si diventa ricchi; anzi, a malapena a fine anno si pagano le spese per l’hosting di questo blog. Informazioni complete sulla privacy policy potete trovarle qui.