Le modalità di scoperta di un tempo.

Al tempo in cui ho a portata di mano, letteralmente, tutta la musica che voglio, riesco a stupirmi ancora con le modalità di scoperta di un tempo.

Ieri, ad esempio. Avevo del tempo da ammazzare e come spesso mi capita l’ho fatto in un grande negozio di dischi. Non cercavo nulla di particolare e giravo distratto per gli scaffali. Ogni tanto prendevo in mano un titolo, poi lo rimettevo a posto. Così per una buona mezzora. Nel mentre sull’impianto del negozio passava un disco che aveva catturato la mia attenzione. Voce femminile e brano capriccioso che si sono incollati alle mie orecchie.

Tiro fuori il telefono e lancio Shazam; mi appunto mentalmente il titolo del disco e l’artista — della quale non avevo mai sentito parlare prima, ma le mie frequentazioni col mainstream sono rare e scarse.

Cerco il titolo tra gli scaffali, lo trovo e mi dirigo, felice, verso la cassa.