Nous sommes Catherine Deneuve

Cento donne francesi – tra cui l’attrice Catherine Deneuve – hanno firmato su Le Monde un appello con cui rivendicano il diritto ad essere sedotte e importunate, dove si legge (nella traduzione che ne fa Il Foglio – 11.1.2018, inserto I) tra l’altro che

Pensiamo che la libertà di dire no a una proposta sessuale non esista senza la libertà di importunare. e consideriamo che bisogna rispondere a questa libertà di importunare in altro modo che non trincerandosi dietro il ruolo della preda (…) Gli incidenti che possono toccare il corpo di una donna non inficiano necessariamente la sua dignità e non devono, per quanto siano duri, necessariamente fare di lei una vittima perpetua.

L’appello, che sta facendo il giro del mondo perché rappresenta una dura, forte presa di posizione di una parte della sfera femminile decisamente controcorrente rispetto a tutte le voci che si erano sinora sentite dopo il caso Weinstein, dipinge anche scenari tecnologico-fantastici che servono a rafforzare la tesi delle firmatarie e a mostrare, a chi le avrebbe criticate, verso dove stiamo andando:

Ancora uno sforzo e due persone adulte che avranno voglia di andare a letto insieme subito prima dovranno, tramite una app del loro smartphone, firmare un documento nel quale le pratiche che accettano e che rifiutano saranno debitamente specificate.

Tutto ciò premesso, per avvisare Catherine Deneuve e le altre novantanove donne che un’app del genere pare esista già.