Archivio mensile:Novembre 2014

Toglietemi dalla vostra cazzo di mailing list.

fake_paper

Nel 2005 i ricercatori informatici David Mazières e Eddie Kohler, esasperati dai continui inviti a conferenze ricevuti via mail, crearono un finto paper dal titolo eloquente: Get me off your fucking mailing listLevami dalla tua cazzo di mailing list. Unico contenuto: il testo del titolo, ripetuto per 10 pagine (qui trovate il Pdf). Il paper, impaginato come se fosse una vera ricerca scientifica — titolo, abstract, grafici — ha fatto in breve tempo il giro della rete e in molti, nella comunità scientifica e non, hanno imparato a riconoscerlo come un falso, uno scherzo, una boutade.

Secondo quanto riporta il blog Scholarly Open Access, lo scienziato australiano Peter Vamplew dell’Università australiana di informatica, infastidito dal continuare a ricevere inviti ad inviare le sue pubblicazioni da parte dell’International journal of advanced Computer Technology, si è ricordato di questo vecchio pdf, l’ha tirato fuori da qualche angolo del suo computer e l’ha inviato per tutta risposta. E qui viene il bello: l’International journal of advanced Computer Technology ha preso l’articolo, ha dichiarato di averlo revisionato, l’ha considerato eccellente e l’ha accettato. Fortunatamente non pubblicato: per questo, infatti, il dr. Vamplew avrebbe dovuto pagare una fee di 150 dollari — questo il prezzo chiesto dalla pubblicazione agli autori.

Continua a leggere

Farsi un paio di drink all’aeroporto.

A barman serves a customer as the bottle

Wayne Curtis sull’Atlantic ha provato ad indagare sul perché è (quasi) impossibile bere un drink decente negli aeroporti:

Why can’t you get a decent Manhattan before you ascend to 35,000 feet? As it turns out, there are substantial challenges in establishing a quality airport bar. For starters, the staff must obtain TSA and FAA clearances—a hurdle many of your favorite tattoo-sporting local bartenders might not be able to manage. “There are quite a few that don’t make it through for one reason or another,” says Doug Draper, the senior director of adult beverages and restaurant development at HMS Host, which oversees nearly 400 full-service bars at airports across North America.

On top of that, airports are never in the hip parts of town where the cool-kid bartenders live. And Draper notes that going through TSA security every day adds an unwelcome uncertainty. “Employees go through the same things as passengers,” he says. “They have to fight traffic and find parking and go through security.”

Another challenge: airport bars generally don’t have the luxury of carving out a niche and developing a regular customer base. Downtown, you might find a bar specializing in classic cocktails, another in tiki drinks, and another that serves almost exclusively American whiskey. Airport bars have a captive audience, but they can’t be selective about their clientele; many people simply sit down at the bar closest to their departing gate. “You don’t get to choose who you serve,” says Jacob Briars, the head of Bacardi’s global brand-ambassador program.

Preservare la nostalgia di YouTube

sadyoutube

C’è un sito che si pone come obiettivo quello di preservare alcuni commenti a video pubblicati su YouTube. Si chiama Sad YouTube e, come lascia immaginare il nome, i commenti salvati sono quelli che raccontano storie tristi, malinconiche, fuori dal tempo. Mark Slutsky, il creatore del sito, ha spiegato la genesi del progetto in una lunga intervista pubblicata su NoSuchThingAsWas:

Come ti è venuta l’idea per il sito? Da quanto tempo lo curi?

Per molto tempo ho notato che c’era qualcos’altro nei commenti su YouTube. Qualcosa oltre il solito razzismo, gli insulti, i proclami oscuri e il buzz ordinario. In modo particolare sui video di vecchie canzoni (sia sui video ufficiali che su quelli creati dai fan con l’audio sincronizzato su slide o clip amatoriali), la gente raccontava di vecchie storie. Ricordi che associavano con la musica, storie con una specificità così toccante e un’apparente onestà che spiccavano su tutti gli altri commenti. Mi intrigava e, se devo essere sincero, mi deliziava in maniera quasi perversa che in questa parte di Internet generalmente conosciuta come il mucchio di spazzatura della nostra civiltà, riuscissi a trovare momenti di così rara bellezza.
Sapevo che questi commenti erano effimeri; che sarebbero stati sia spinti in fondo alla pagina da altri commenti in modo tale che nessuno li avrebbe più trovati, o addirittura che i video ad essi associati venissero eliminati — in entrambi i casi, sarebbero andati persi. Così nell’autunno 2012 ho aperto Sad You Tube con l’obiettivo di preservarli.

Il progetto è associato alla nostalgia. Ma qual è il suo valore culturale per Mark Slutsky?

Ciò che trovo così interessante di molti di questi ricordi è il modo spontaneo con il quale sono raccontati. I nostri ricordi preferiti possono spesso essere indorate dal nostro richiamo, sottilmente modificati ogni volta che li pensiamo, arrivando a somigliare sempre meno al momento originale. Ma molte delle storie che trovo nei commenti su YouTube sembrano essere state dormienti nelle menti dei commentatori, fino a che non sono improvvisamente riemerse con l’ascolto di una vecchia canzone. In questi modo sembrano piacevolmente diretti, non romanzati. Credo che ciò li differenzi sottilmente da quella che noi pensiamo essere la nostalgia, anche se non per questo sono meno emozionali. In realtà preferisco di più la parola portoghese ‘saudade’ che, grosso modo, sta ad indicare un desiderio irrefrenabile per qualcosa di irrimediabilmente perduto.

Richard Skinner explains what Dub is.

Below is the English translation of the review of Richard Skinner’s ebook Dub: Red Hot vs Ice Cold. The review originally appeared on this blog in Italian version only.

Translation by Christian Patracchini.

dubredhotvsicecold_coverWhen it comes to Dub music, the first thing that comes to mind is reggae. Indeed, we tend to think of Dub as a sub-genre, taking away all its autonomy. We discard it in a hurry as something born out of reggae, rather than an artistic/musical (aesthetic?) movement in its own right. Wikipedia, in the first few lines, brutally defines it as a ‘musical genre born from reggae in the Sixties’ and ‘commonly considered a subgenre.’ They do also cite far more authoritative sources such as The Encyclopedia of Popular Music by Colin Larkin (‘Essentially reggae in the raw’) or The Grove (‘A technique of reggae’).

While it is undeniable that dub was born as an offshoot of reggae, more precisely as a B-side of the 45 rpm discs that were played in Jamaican dance halls, it is not difficult to see a common thread that links reggae to a lot of today’s music. Many have tried to investigate this phenomenon, presenting the dub aesthetic, as a technique of mixing, or as a musical mood. There is an extensive bibliography and also some interesting movies such as Dub Echoes, produced by Soul Jazz Records and accompanied by a double CD compilation.

In these titles very often the part devoted to the connections with reggae represents the majority, and those who want to understand more about its later evolutions find themselves displaced. Dub is a concept in the same way that, for instance Swing is a concept; started as a term associated with jazz, it has gradually become a specific term to indicate a precise inclination of the composer/performer in understanding the composition/interpretation (‘it hasn’t got swing…’), even before a precise sonority.

An explanation is finally provided in a concise and comprehensively agile e-book (can we call an e-book ‘agile’?) which has just been published by Noch Publishing: Dub: Red Hot vs Ice Cold by Richard Skinner. Already from the title it is clear that the essay is divided exactly in two parts: the first, ‘Red Hot’, investigates the origins of dub (obviously Jamaican) providing not only historical coordinates but also anecdotes in order to aid understanding. The second, ‘Ice Cold’, traces all the territories the concept of dub has penetrated, some of which are far removed from the origin (techno dub, jungle, 2step, dub step and virtually every electro-club-dance sound coming from England in the last twenty years – from Massive Attack onwards).

This book, above all, contains some of the most incisive definitions of dub that I have ever read. All without any academic undercurrent, making for light reading even for those not too familiar with musical terminology, which a study of writing on popular music of British origins would have given them. The credit for this is due (also) to the fact that Noch Publishing is an English publishing house which, according to its website, specializes in the concept of ‘extended listening’, but is at the same time directed by two Italians who know their stuff. Paolo Inverni is a Piedmontese artist who works with different languages and media with a resume that speaks for itself. For many years, Daniela Cascella has been working in the field of music and sound art, she is a contributor of prestigious magazines such as Contemporary, The Wire and Frieze, and a writer, blogger and conductor of a radio program. She is also the author of two books available in Italian, Sculptor of Sound (Tuttle, 2008) and The Edge of the World (Arcana, 2008), the latter is a complete critical analysis of all the texts by The Cure and it improves on older biographies and pseudo-analysis produced in the past for the consumption of the average Italian teenager.

The author, Richard Skinner, is a writer and poet, as well as the director of the Faber Academy Fiction Programme. This year Faber & Faber published his fictional biography on the life of Erik Satie: The Velvet Gentleman. I do not know whether or not it is his habit of writing in such a straightforward, comprehensible manner, but in Dub: Red Hot vs Ice Cold it manages to be an absolute and much-appreciated added value, which puts an end to the age-old million dollar question that we, the average music fan have asked over and over again: ‘What is dub?’

Dub is the science of studio pressure, when engineer becomes artist

They do know it’s Christmas.

Nel difendere la scelta di Adele di ignorare totalmente gli inviti di Bob Geldof a partecipare all’ennesiva, nuova, re-incarnazione di Band Aid e della hit Do they know it’s Christmas, Bryony Gordon sul Telegraph scrive delle cose su questo tipo di operazioni che vedono coinvolte persone ricche e famose. Lo fa con un (bel) po’ di cinismo; ma secondo me sono cose molto condivisibili:

[T]he rich and famous donate their precious time, and for this they expect to be celebrated and congratulated, as if before they flashed their expensively whitened teeth in the video for a song, we had no idea that Ebola was a problem, or that thousands of Africans were spending their last days on this earth in unimaginable horror, bleeding from every orifice, unable even to be comforted by their family and loved ones.

“Give us your f***ing money,” was Geldof’s message way back when, and it is his message now – you all dig deep and give up your hard earned cash because these famous people who make millions singing songs have deigned to give up a few hours of their time on a weekend.

Scrivere una email.

posta

Mary Beard sulle formule di cortesia che si dovrebbero usare in una email (che non sono poi così tanto diverse da quelle che si usano — o si usavano — nelle lettere tradizionali):

I actually prefer those emails which are exactly as old-fashioned letters would have been: “Dear Mary… Yours, Simon” (I hope Dr Heffer is reading this, because it to you whom I refer, though I rather doubt you are!). I find myself more irritated with those much more email specific locutions, that play too much with the apparent familiarity of the genre.
I, for example, do use “Hi Simon” (though not to Dr Heffer), but sort of hate myself when I do. There’s worse.
I particularly dislike the phrase (sorry to those that I am going to annoy now) that greets many unsolicited email communications, “Dear Mary, I hope this email finds you well…”. Did letters once start like that? Maybe they did, but not any that I used to receive. And it does seem the worst sort of inanity. (On the principle of “nothing is worth saying unless its reverse would be meaningful”, this fails miserably… “I hope this email finds you ill..”?)

Da quando l’arte è diventata conservatrice?

a_560x375

Jerry Saltz su Vulture riflette sulla tendenza che si sta verificando, nel mondo dell’arte, all’auto-censura e al politicamente corretto:

Flexibility is life, but lately I keep thinking that the art world has gotten a lot less flexible, and the freedom that I’ve always thought of as completely foundational — freedom to let our freak flags fly and express ourselves, even bizarrely — has constricted considerably. And it’s happening at such mutated and extreme rates that we must ask if the art world is not now one of the more self-policing areas of contemporary culture. How did we come to live in an insular tribal sphere where unwritten rules and rigid moralities — about whom to like and dislike, what is permissible to say and what must remain unsaid — are strictly enforced via social media and online disapproval, much of it anonymous? When did this band of gypsies and relentless radicals get so conservative?

Continua a leggere

Troppe lingue in Europa?

Lo scorso fine settimana ho letto tutto d’un fiato il nuovo libretto di Tullio De Mauro In Europa son già 103 – Troppe lingue per una democrazia? (Laterza). Il titolo è (fin troppo) rivelatorio del contenuto: come è possibile dare un’idea di Europa unita, voler costruire una vera comunità europea e una solida democrazia senza aver gettato le basi per la comunanza di una lingua?

La risposta che dà De Mauro, da fine linguista, nella novantina di pagine di questo testo è appassionante. Anziché cercare di convincere il lettore del fatto — innegabile — che è l’Inglese ad avere assunto, in modo più o meno fortuito, il ruolo di lingua europea almeno per quanto riguarda gli scambi economici e culturali, De Mauro traccia un profilo di tutte le lingue più o meno ufficialmente riconosciute che si parlano in Europa. Un continente che ha come caratteristica quella del multilinguismo (oltre che del plurilinguismo: c’è una differenza neppure troppo sottile che sembra essere però ignorata dai più). Ed essendo questa una caratteristica insita nella sua stessa storia, l’unica conclusione possibile

se vogliamo un’Europa in cui i cittadini, per riprender l’idea di Aristotele, parlino un lingua per discutere e per decidere insieme «che cosa è giusto e che cosa no, che cosa conviene e che cosa no» per la comune polis europea, oggi questa lingua è l’inglese. Ma senza un rifiuto, dannoso e improponibile, della ricca diversità linguistica che ereditiamo dal passato, che abbiamo esportato negli altri continenti e che ci caratterizza nel mondo.

Insomma, nell’uso dell’inglese noi europei dovremmo

portare tutta la ricca varietà di culture, di significati e di immagini delle diverse lingue, senza abbandonarle, e portare nelle nostre lingue il gusto della concisione e della limpidezza dell’inglese.

Il giornalismo secondo Mario Vargas Llosa

mario-vargas-llosaL’anno scorso lo scrittore premio Nobel Mario Vargas Llosa ha pubblicato un bel saggio, La civiltà dello spettacolo (Einaudi 2013), dove analizza lo stato della cultura in quella che definisce una società che ha trasformato la «naturale propensione a divertirsi in un valore supremo, [con] conseguenze inaspettate: la banalizzazione della cultura, la generalizzazione della frivolezza e, nel campo dell’informazione, la proliferazione del giornalismo irresponsabile basato sul pettegolezzo e sullo scandalo». Due sono i motivi che Vargas Llosa individua come causa di tutto questo. Per primo, il «benessere seguito agli anni di privazioni della seconda guerra mondiale e alle ristrettezze dei primi anni del dopo guerra»; e un secondo, «rappresentato dalla democratizzazione della cultura», che ha portato la quantità a vincere sulla qualità e a considerare come cultura «tutte le manifestazioni della vita di una comunità: la lingua, le credenze, gli usi e costumi, gli indumenti, le tecniche e, in generale, tutto ciò che vi si pratica, evita, rispetta e aborre».

Ritornando all’informazione, particolarmente significative sono le pagine che dedica al giornalismo [40-44] e al ruolo che si è ricavato all’interno della società dello spettacolo:

Il confine che per tradizione separava il giornalismo serio da quello scandalistico e sensazionalistico si è fatto meno nitido, riempiendosi di buchi sino a svanire, in molti casi, al punto che ai nostri giorni è difficile stabilire la differenza tra i diversi mezzi di informazione. Una delle conseguenze del trasformare l’intrattenimento e il divertimento nel valore supremo di un’epoca è infatti che, nel campo dell’informazione, va producendosi in maniera impercettibile anche uno sconvolgimento occulto delle priorità: le notizie diventano importanti o secondarie soprattutto, e a volte esclusivamente, non tanto per il loro significato economico, politico, culturale o sociale quanto per il loro carattere nuovo, sorprendente, insolito, scandaloso e spettacolare. Senza che se lo sia proposto, il giornalismo dei giorni nostri, seguendo il mandato culturale imperante, cerca di intrattenere e di divertire informando, con l’inevitabile risultato di fomentare, grazie a questa sottile deformazione dei suoi obiettivi tradizionali, una stampa che a sua volta è light, leggera, amena, superficiale e divertente, la quale, in casi estremi, se non ha sottomano informazioni di questo genere da riferire, le fabbrica.

Continua a leggere

Allargare gli orizzonti

Nick Norton dà un paio di consigli ai musicisti per espandere la loro mente musicale:

Listening to and trying to understand as much music as possible, even music that you don’t enjoy, is an incredibly important part of becoming a better and better musician. Different genres make use of different musical processes and ideas, and listeners raised in different traditions pay attention to different markers. Classical training, for instance, teaches us to follow tonal changes and listen for transformations, largely in the realms of pitch and rhythm. No wonder people who grew up steeped in this tradition find radio rock so boring—it does, in rather a lot of cases, tend to repeat the same four chords.

The rock tradition, on the other hand, trains listeners to pay attention to changes in color (here meaning timbre/sound). Those might be the same four chords, but this time they’re distorted, the drummer has moved from a closed high-hat to a crash, and the singer has moved from singing to screaming. Those markers, in rock, can mean the same thing to a rock listener that the move to dominant in a traditional sonata means to a classical listener. A rock listener, moreover, might entirely miss the structural importance of a change in harmony, because it may not be accompanied by a change in instrumentation. It certainly won’t in a piano sonata.

Di questi tempi, tra l’altro, essere onnivori musicali non è né particolarmente difficile né dispendioso, tante sono le piattaforme che offrono musica in streaming:

Today is an amazing time to be a listener with open ears. As we now have a practical means of easily accessing music from all times and all regions (Spotify and YouTube aren’t without their moral quandaries regarding royalties, but they’re a godsend for curious listeners), we have no excuse not to listen to everything we can get our ears on.